Anni di esperienza commerciale

Finalmente sappiamo perché lo stress rende i capelli grigi

Finalmente sappiamo perché lo stress rende i capelli grigi

Nel 1902 il British Medical Journal riporta un insolito caso di rapido ingrigimento dei capelli.

La ventiduenne "è stata testimone della tragedia di aver tagliato la gola a una donna e la vittima è caduta morta ai suoi piedi", secondo un medico del Temperance Hospital di Londra. Il giorno dopo, il lato destro dei suoi peli pubici è diventato bianco, mentre la metà sinistra è rimasta nera.

Questo caso storico è un esempio terribilmente strano (e veloce) di un fenomeno altrimenti comune: i capelli grigi sembrano accumularsi quando siamo stressati. E non è solo la violenza accidentale a far passare la gente attraverso la ricerca sui pigmenti, i bambini e la pressione del lavoro sembrano cambiare anche i nostri colori. Ma per migliaia di anni gli scienziati si sono basati principalmente su prove aneddotiche e intuizioni per razionalizzare questo fenomeno. In assenza di prove chiare, molti scienziati non credevano che lo stress potesse cambiare il colore dei capelli in bianco neve, sostenendo che il cambiamento doveva essere causato da sostanze chimiche o da strani comportamenti del sistema immunitario. I rari casi in cui i medici hanno osservato un rapido sbiancamento - come nello studio BMJ del 1902 - sono stati fonte di continuo sgomento.

Un recente articolo, pubblicato mercoledì sulla rivista Nature, potrebbe confutare alcuni di questi argomenti. In questo studio, i biologi delle cellule staminali e rigenerativi degli Stati Uniti e del Brasile hanno scoperto che lo stress può effettivamente causare la caduta dei capelli dal pigmento e hanno determinato il percorso cellulare dove può avvenire.

Per indagare su questa fastidiosa relazione, gli scienziati hanno creato un complesso modello animale che fondamentalmente consisteva nel cercare di sbiancare i ratti dai capelli neri usando i fattori di stress di laboratorio. Hanno provato tre tattiche diverse: lo stress riservato, lo stress cronico imprevedibile e lo stress nocicettivo, che è causato dal dolore fisico (o dalla minaccia di esso). Ognuno di loro ha cambiato con successo il pelo di topo in bianco. Forse inaspettatamente, lo stress causato dalla nocicectomia, che gli scienziati hanno stimolato iniettando ai ratti la resiniferatossina, l'equivalente di un composto a base di peperoncino capsaicina, ha funzionato al meglio e più velocemente.

Dopo aver determinato il modo ottimale per provocare il panico da ratto, la squadra ha iniziato a cercare i cambiamenti appropriati nei percorsi fisiologici che danno origine al colore del guscio. Erano particolarmente interessati al comportamento di due tipi di cellule: i melanociti differenziati, che producono pigmento nei capelli e nella pelle, e le cellule staminali dei melanociti, la materia prima da cui si formano i melanociti. Per osservare ognuno di loro individualmente, gli scienziati hanno iniettato ai loro piccoli ricercatori una sostanza tagliente, simile al pepe, quando la pelliccia di ratto cresceva attivamente. A questo punto del ciclo di crescita dei capelli, i melanociti differenziati si accumulano naturalmente nel bulbo pilifero, mentre le cellule staminali dei melanociti si accumulano in uno spazio separato chiamato rigonfiamento.

Per cinque giorni dopo l'iniezione, i mantelli di ratto sono rimasti neri. I melanociti differenziati nel follicolo pilifero hanno continuato a pompare il colore. Tuttavia, in molte bolle, i ricercatori riferiscono che le cellule staminali dei melanociti sovraccaricate sono state "completamente perse". Spinte da un'inondazione di norepinefrina, un neurotrasmettitore che si gonfia in risposta allo stress, le cellule staminali esistenti si moltiplicavano così rapidamente che sparivano completamente dalla loro nicchia. La volta successiva che il pelo di ratto cresceva, non c'erano cellule staminali melanocitarie in questi follicoli piliferi danneggiati, così i capelli bianchi germogliavano.

"In pochi giorni, il serbatoio di cellule staminali che si rigenera nel porcile si è esaurito", ha detto in un'e-mail Ya-Chieh Hsu, professore di biologia delle cellule staminali e rigenerazione ad Harvard e autore senior dello studio, ha detto PopSci. La perdita è stata permanente. "E quando non ci sono più, il pigmento non può più essere generato".

"Si tratta di un documento estremamente elegante che rivela un importante meccanismo per l'ingrigimento dei capelli", ha scritto Alexey Terskikh, che studia lo sviluppo, l'invecchiamento e la rigenerazione presso il Sanford Burnham Prebys Medical Discovery Institute.

Ma ci sono molti altri modi in cui i capelli possono perdere il loro colore. Un documento del 2018 suggeriva che una risposta immunitaria iperattiva può anche distruggere i melanociti e le cellule staminali dei melanociti nei ratti sbiancando i loro capelli. Alcuni farmaci per il cancro della pelle rendono i capelli di alcuni pazienti trasparenti. I medici pensano che questo sia un segno che il loro corpo sta rispondendo positivamente a questa medicina. Anche i percorsi genetici, i percorsi ambientali e le mutazioni possono svolgere un ruolo, secondo Terskikha.

I capelli hanno ancora molti segreti. Non sappiamo perché la perdita di capelli appare diversa sul cuoio capelluto di qualcuno rispetto al viso e quindi sulla schiena. E, purtroppo, per un'anonima donna inglese con uteri di fama mondiale, i medici non sono ancora d'accordo con i canoni della subita, un fenomeno discutibile in cui i capelli si sbiadiscono apparentemente di notte. Ma in molti casi gli scienziati stanno restringendo le loro risposte. Negli ultimi anni c'è stato un drammatico aumento della ricerca e dello sviluppo di soluzioni anti-balding - molte delle quali sono promettenti. Terskikh, dal canto suo, sta lavorando per rigenerare i capelli da zero, usando cose come le cellule staminali pluripotenti. Se questo funziona, avremo una scorta illimitata di capelli - probabilmente in tutte le sfumature.

Informazioni sul sito

Sei interessato alla moda? Conosci marchi come Coco Chanel o Dolce e Gabbana? Vedi le notizie di moda che appaiono sul nostro sito. Seguiteci regolarmente!